mercoledì 13 settembre 2017

WRAP UP LUGLIO/AGOSTO

Buongiorno lettori! 
Cosa? Siamo già a settembre e non ho ancora pubblicato ne il wrap up di luglio e nemmeno quello di Agosto?
Eh si...in questi ultimi due mesi sono presa malissimo con tutto!
Sono ancora indietro con Goodreads, sono indietrissimo con le serie tv e con la lettura.
Ultimamente mi sento talmente fiacca che l'unica cosa che voglio è starmene sotto le coperte e dormire.
Ora che ho un po' di "energia" vi porto il Wrap up di luglio e agosto.
Tranquilli, sono solo 11 libri per due mesi.
Quindi nulla rispetto ai miei standard.


Altro libro di Benjamin Alire Sáenz che ho letto
Se vi state chiedendo se voglio leggermi ogni suo libro, la risposta è SI. 
Sono innamorata del suo stile di scrittura!
Sfortunatamente in Italia sono stati pubblicati questo e Ari e Dante quindi per gli altri dovrò tirare fuori il mio inglese che da un mesetto non uso più, sarà per la prossima volta. 

Il libro è una raccolta di racconti con personaggi diversi e parla delle difficoltà che incontrano le persone che vivono tra Jarez e El Paso. 
Questo libro è molto di impatto e da emozioni davvero forti. Non so scegliere quale sia il racconto che mi sia piaciuto di più, sono tutti stupendi!  




Libro letto e recensito in collaborazione con l'agenzia Saper Scrivere. 








È stupendo. 
Non so quali altre parole per descriverlo. 
Sfortunatamente non rientrerà tra i preferiti del 2017, ma ci è andato molto vicino. 
Leggetelo se non l'avete ancora fatto.
DAVVERO SUPER CONSIGLIATO!





venerdì 8 settembre 2017

Recensione "TATUAGGI COLOR PELLE" di Simone Giraudi

«Un uomo entra in un caffè». SPLASH
No eh.. Brutto modo di inviare un post?  Dite? 
Mi ritiro che è meglio. 
Salve lettori! 
Oggi sono tornata per postarvi una nuova recensione. Si, lo so, siete sbalorditi, lo sono anche io! 
Due recensioni che non distano un mese l'una dall'altra? E' una cosa seria, bisogna chiamare gli agenti dello Shield, ORA! 
Per me Grant Ward va più che bene! 

Comunque facendo le persone serie (come no) oggi vi parlo del libro "Tatuaggi color pelle" di Simone Giraudi. 

Avviso che la recensione non sarà lunghissima in quanto il libro ha solo un centinaio di pagine. 
Ricordo che questa è la mia opinione, non voglio offendere in alcun modo i lettori del libro o l'autore stesso. Io sono qui per dare il mio giudizio solo sul contenuto del libro


Titolo: Tatuaggi color pelle
Autore: Simone Giraudi
ISBN; 978 88 99067 71 7
Pagine: 100 pagine
Prezzo: 12,90€

La trama:

Francesco e Ambra sono l'epitome della coppia perfetta. Costretti alla lontananza per qualche tempo a causa del lavoro di lei, Francesco scopre nascosto nel bagno un astuccio di pelle nera contenente una strana polvere, che il ragazzo associa a una qualche nuova droga sintetica. Inizia un viaggio alla ricerca di risposte, che lo porterà a dubitare della sincerità della sua compagna mettendo in discussione quella che pensava fosse una relazione perfetta. Scoprirà che la strana sostanza arriva da un nuovo locale, nel quale un misterioso essere chiamato L'Angelo aiuta le persone a superare il proprio dolore.



La storia parla di Francesco, quest'uomo trentenne che vive felice la sua vita assieme ad Ambra, la sua ragazza. 
Il problema è che Ambra è partita per andare a Miami per lavorare come fotografa ufficiale della band il cui front-man è un suo vecchio amico d'infanzia. 

Francesco sta male per la sua partenza, ma anche se si vedono ogni giorno su skype a lui le manca. 
Infatti i due si amano e hanno un legame basato sulla fiducia reciproca... O forse no? 
Francesco è sicuro di questo finché un giorno, cercando un moment tra i medicinali di Ambra s'imbatte in questo sacchettino nero con sopra scritto H. E. A.
Dentro c'è una strana polvere che il nostro protagonista associa ad una droga. Fa questa associazione in quanto è cresciuto con la madre che continuava a fare avanti e indietro dalla riabilitazione. 
Allora iniziano a crescere in lui dei dubbi. E vuole scoprire a tutti i costi da dove proviene la polvere trovata. 

lunedì 4 settembre 2017

Segnalazione "Innamorato di un re" di Littlefrancy

Buongiorno lettori!
Faccio una intro veloce veloce perchè devo scappare!
Oggi vi porto una nuova segnalazione.
E' uscito l'ultimo libro della trilogia "La trilogia del Principe" di LittleFrancy.
Qui la segnalazione del primo libro e Qui della novella natalizia.



TITOLO: Innamorato di un re
AUTORE: Littlefrancy
SERIE: La trilogia del Principe #3
GENERE:  Contemporary Romance M/M


La trama: 

Jay Handers, dopo essere stato rapito, vive un momento di instabilità. Tutto è cambiato e il suo amore per Henry potrebbe portarlo ad un tragico epilogo.
Paure e Amore si incontrano nel terzo romanzo de "La Trilogia del principe" che conclude la storia d'amore tra il principe Henry e Jay Handers.
Riusciranno Henry e Jay a coronare il loro sogno d'amore? Tutti i nodi verranno al pettine?
Scopritelo nell'epilogo più emozionante e divertente di sempre!

Se volete acquistarlo QUI trovate il link di Amazon
Rose

mercoledì 30 agosto 2017

BOOK QUOTES #3: Friendship

Buongiorno lettori!
Come state?
Settimana scorsa ho mangiato Sushi. Sono e sarò la ragazza più felice del mondo per almeno un mese! Quella si che è forte come droga.
Coommmuunnquee, sono felice anche perchè oggi vi porto una delle tipologie di post che preferisco scrivere. Ovvero i BOOK QUOTES.
Questo è il nostro terzo appuntamento, infatti il primo è stato il "Love Quotes" e successivamente il "Sad quotes".
Oggi parliamo di AMICIZIA. 
Ogni volta che scrivo queste tipologie di post, piango, torno indietro nel tempo, alcuni libri li ho letti anni e anni fa!



"Ti copro le spalle. Non intendo solo quando è semplice. Sempre."

— Veronica Roth, Divergent


"Affrontare i nemici richiede notevole ardimento. Ma altrettanto ne occorre per affrontare gli amici."

― J.K Rowling, Harry Potter e la pietra filosofale



"Quando la neve cade e il vento bianco soffia, il lupo solitario muore, ma il branco sopravvive."

                                              ― George R.R. Martin, Il Trono di Spade.



Quando se ne fu andata, mi inginocchiai accanto ad Annabeth e le tastai la fronte. Scottava ancora.
— Sei carino quando sei preoccupato — mormorò. — Aggrotti le sopracciglia in modo buffo.
Non morirai proprio adesso che ti devo un favore — replicai. — Perché ti sei presa quella coltellata?
— Tu avresti fatto lo stesso per me.
Era vero. E lo sapevamo entrambi, credo. Eppure, mi sentivo come se qualcuno stesse cercando di infilzarmi una sbarra di metallo gelido nel cuore. — Come facevi a saperlo?
— A sapere cosa? Mi guardai attorno per accertarmi che fossimo soli. Poi mi accostai al suo viso e bisbigliai: — Il mio tallone d’Achille. Se tu non mi avessi fatto da scudo, sarei morto.
Aveva un’espressione distante negli occhi. Il suo respiro profumava di uva, forse per via del nettare.

― Rick Riordan, Lo scontro finale



(PRIMA)
"Kaz si appoggiò. "Qual'è il modo più semplice per rubare ad un uomo il portafoglio?"
"Coltello alla gola?" chiese Inej.
"Pistola alla schiena?" disse Jesper.
"Veleno nella tazza?" suggerì Nina.
"Siete persone orribili" disse Matthias.

― Leigh Bardugo, Six of Crows



(DOPO)
"Qualcuno di voi si è mai chiesto cosa ho fatto con i soldi che Pekka Rollins ci ha dato?"
"Pistole?" chiese Jesper.
"Barche?" domandò Inej.
"Bombe?" suggerì Wylan.
"Mazzette politiche?" chiese Nina. 
Guardarono tutti Matthias. "Questo è il momento iin cui tu dici che siamo persone orribili", sussurrò.

― Leigh Bardugo, Crooked Kingdom



— Lo sai, c’è un modo per impedire che ti mandino via dal nostro Istituto. Per costringerli a farti rimanere.
Emma sollevò un sopracciglio. — Sentiamo, genio.
— Potremmo… — cominciò lui, poi s’interruppe, inghiottì e ricominciò. — Potremmo diventare parabatai.
Lo disse timidamente, girando un po’ il viso, sicché la sua espressione fu in parte nascosta dall’ombra.
— Allora non potrebbero separarci — aggiunse. — Mai.
Emma si sentì il cuore in subbuglio. — Jules, essere parabatai non è uno scherzo. È… è per sempre.
Lui la guardò, il viso aperto e franco. Non c’era nessuna finzione in Jules, nessuna zona oscura. — Perché, noi non siamo già per sempre? 

― Cassandra Clare, Città del Fuoco Celeste



Bisognava conoscere qualcuno molto bene per farlo ridere così. 

― Cassandra Clare, Il Principe




Will gli conficcò le dita nel polso, tendendo la stoffa della camicia. — Hai promesso di stare con me, quando abbiamo fatto il giuramento di parabatai. Le nostre anime sono unite. Siamo una persona sola, James. 
— Siamo due persone. Due persone che hanno fatto un patto. 
Will sapeva di sembrare un bambino, ma non poteva farci niente. — Il patto dice che non devi andare dove io non posso seguirti. 
Fino alla morte — ribatté gentilmente Jem. — Sono queste le parole del giuramento. Finché nulla tranne la morte ci separi. Un giorno, Will, andrò dove nessuno potrà seguirmi, e credo che avverrà piuttosto presto. Ti sei mai chiesto perché ho acconsentito a essere il tuo parabatai? 
— Non erano disponibili offerte migliori? — Will provò a buttarla sullo scherzo, ma la sua voce si incrinò come vetro. 
— Pensavo che tu avessi bisogno di me — disse Jem. — Hai costruito un muro intorno a te, Will, e io non ti ho mai chiesto perché. Ma nessuno dovrebbe mai portare un peso da solo. Pensavo che, se io fossi 
diventato il tuo parabatai, mi avresti accolto dentro di te, e avresti almeno avuto qualcuno a cui appoggiarti. Mi chiedevo cosa avrebbe significato per te la mia morte. Ne avevo paura, per il tuo bene. Avevo paura che saresti rimasto solo all'interno del muro. Ma ora... qualcosa è cambiato. Non so perché, ma so che è vero. 
— Che cosa? — Le dita di Will erano ancora conficcate nel polso di Jem. 
— Il muro sta crollando. 

— Cassandra Clare, Il principe





Quanti fazzoletti avete utilizzato? A me l'ultima ha ucciso. I MIEI HERONSTAIRS.
Penso che il legame Parabatai sia qualcosa di unico e meraviglioso. Se ne avete uno, tenetevelo stretto!
Ma poi "Six of Crows"?? Da quanto non ve ne parlavo? E da quanto non lo leggo...forse...forse me lo rileggo!
Spero che il post vi sia piaciuto, vi auguro una buona giornata!

Rose

domenica 27 agosto 2017

Recensione "I QUATTRO REGNI" di Pietro Tulipano

Buongiorno lettori! 
Come state?  
Spero con tutta me stessa che non vi siate sciolti come mi sto sciogliendo io... Questo caldo è assurdamente assurdo!  (?)
Comunque, parlando di cose serie, oggi vi porto una nuova recensione. Questa è la seconda recensione in collaborazione con l'agenzia Saper Scrivere. (Qui la prima) 
Parliamo de "I quattro regni" di Pietro Tulipano. 
QUI ne ho fatto la segnalazione se volete qualche informazione in più relativa al romanzo! 



Titolo: I quattro regni
Autore: Pietro Davide Tulipano
Editore: Astro (E-sordisco)
Data di uscita: 27 marzo 2017
Pagine: 364; prezzo: 1, 99 (ebook)
ASIN: B06XVWQNYT


Trama: 
Gli orchi, antichi nemici degli uomini, nani ed elfi, stanno effettuando una corsa agli armamenti. Il re, allarmato, cerca alleati, i quali nominano un’ambasciata composta dai loro guerrieri più abili e fidati e da uno dei paladini, saggi guerrieri custodi della pace. Tra loro ci sarà anche un abile cacciatore dal passato misterioso, appartenente a un’antica razza ormai quasi del tutto estinta. Con il benestare del re degli uomini, si aggiungerà alla spedizione anche una giovane ragazza, Aisling, figlia di un nobile generale del regno.
Intanto Déltan, un giovane contadino orfano di padre, conduce la sua esistenza tranquilla in una piccola città del regno, sognando un giorno di esplorare il mondo. Una sera, la sua città viene attaccata da mostruose creature anfibie. I cittadini e i soldati resistono all’attacco, ma buona parte della città è data alle fiamme. Déltan non riesce a salvare sua madre e il giorno seguente, decide di unirsi all’ambasciata di Aisling.



Oh si ragazzi, questo è un high fantasy, genere che non leggo da un po' di tempo.  
Sapete che durante il periodo estivo preferisco leggere qualcosa di più tranquillo, ma la vostra blogger si è messa alla prova ed è riuscita a compiere anche questa missione (il caldo mi da alla testa, perdonatemi) 

Veniamo subito catapultati a Télmonar la bellissima terra degli uomini governata dal grande e amato re Nathelon. 
Il libro ci fa subito capire che il mondo è diviso in quattro regni: uomini, nani, elfi e orchi. 
Ci sono anche i draghi. 
Il problema viene spiegato subito: gli orchi, antichi rivali degli altri tre regni, stanno effettuando una corsa agli armamenti e questo mette in allarme tutti perché  l'ultima volta che successe scoppiò la guerra nefasta, una guerra che provocò morte dolore e distruzione a tutti i regni. 

Per evitare che ciò succeda, i rispettivi re dei nani, elfi e umani, si ritrovano per il concilio dei re e decidono che devono fare qualsiasi cosa per evitare un'altra guerra. 
Decidono quindi di mandare sei dei loro guerrieri più bravi e fidati per cercare di persuadere il re degli orchi a cessare il riarmo. Se il re degli orchi si rifiutasse si passerebbe al piano B, ovvero quello di trovare un modo per ucciderlo, senza destare sospetti, in modo da evitare comunque la guerra. 

Il libro segue anche la storia di Dèltan, un giovane ragazzo di sedici anni, orfano di padre che vive con la madre. Ha sempre voluto andare in quel che avventura e girare il mondo, ma non ne ha mai avuta l'occasione. Per questo sua madre, ogni tanto lo manda nella capitale per vendere delle stoffe. 

mercoledì 23 agosto 2017

WWW...WEDNESDAY #31

Buon mercoledì lettori!
Avete letto il titolo? Ohh si, si torna con i WWW...WEDNESDAY!
Scusate se questa rubrica l'ho un po' lasciata nel dimenticatoio, ma durante il mese di luglio le mie letture sono state minime, quindi rischiavo di ripetere sempre gli stessi titoli in ogni www.
Se avete notato, infatti, il Wrap up di luglio deve ancora uscire perchè ho deciso di farne uno unico per luglio/agosto. 
Se ve lo state domandando si, ho finito di cincischiare e possiamo iniziare!
QUANTO MI ERA MANCATO!

What did you recently finish reading?


Da qualche giorno ho terminato "Quando eravamo in tre" di Aidan Chambers!
Il libro parla della storia di Piers, detto Jan dagli amici, e di come stia cercando, non solo di trovare un posto nel mondo, ma anche la sua indipendenza e soprattutto se stesso. Il suo vero Io. 
Ed è in questa "avventura" che incontra Katherine, per gli amici Tess ( i soprannomi sono un po' strani, ma li adoro).
I due a poco a poco creano una bellissima amicizia. 
Poi un giorno, all'improvviso, dal nulla arriva Adam. Adam che in poco tempo cambia, sia positivamente che non, le loro vite. 
Come ogni libro di Chambers, i temi ricorrenti sono l'amicizia, la scoperta di se stessi, la famiglia e molti altri. 
"Quando eravamo in tre", però, mi è piaciuto meno rispetto agli altri libri di Chambers che ho letto. La fine mi è sembrata troppo sbrigativa e incompleta. Magari un capitolino in più per fare il punto della situation non avrebbe fatto male!

What are you currently reading?

Sto leggendo non uno, non due, ma ben tre libri!
Sono brava eh?
In ordine abbiamo:



The Winner's Course, libro che sto leggendo assieme a Letizia del blog A little nerd's shelf in lingua originale. Se volete è stato pubblicato anche in Italia.
Siamo a quasi metà libro, e mi sta piacendo. La protagonista mi piace, al momento, e questo è una cosa rara.
Quando finiremo la trilogia ve ne parleremo meglio.





Poi abbiamo "I segreti tra di noi" di Angela Longobardi.
Non posso dire molto in quanto sono solo alle prime pagine, sappiate che arriverà la recensione!





E per ultimo abbiamo un manga yaoi.
Killing Stalking di Koogi. 
Uno degli unici due manga che io abbia mai letto. E' abbastanza psicopatico come manga: stupri, omicidi, rapimenti, sindrome di Stoccolma...si, una cosina felice insomma.







What do you think you’ll read next?



Sicuramente leggerò assieme a Letizia "The Winner's Crime".
E poi uno dei libri presi dalla biblioteca. E' il turno, finalmente, di "Kafka sulla spiaggia" di Haruki Murakami.
Matteo Fumagalli lo cita in ogni suo video e io sono una persona supercuriosa, soprattutto se si parla di libri, e quindi l'ho preso!

Lasciatemi nei commenti i vostri WWW e io correrò a leggerli! 
Rose

sabato 19 agosto 2017

GET TO KNOW ME TAG

Buongiorno lettori!
Oggi  vi porto un Tag. Avete notato che non c'è il Book in Tag?  
Strano vero? 
Questo è un Tag che sto vedendo da un po' in giro. Ho letto le domande e pensavo fosse carino, quindi ho deciso di postarvelo. 
Sono trenta domande che mi permettono di farvi conoscere qualcosina in più di me e della mia vita!
Se siete curiosi continuate pure a leggere!


1. Qual'è il tuo secondo nome? 


Non ne ho, ma per "sputtanarmi" vi dico che alle elementari andavo in giro a dire ai bimbi che il mio secondo nome era Bloom, perché mi andavo pazza per le Winx.  Il problema è che la mia preferita era Flora. 
Trash già da bambina. 


2. Colore preferito? 

Io amo i colori! ** 
Però i due colori che apprezzo di più sono  il Nero e l'azzurro! 


3. Qual'è stato il tuo primo migliore amico? 

Sara, una ragazza che veniva a scuola con me alla materna. I rapporti si sono interrotti quando le ho spaccato, accidentalmente, un braccio. Giuro, non l'ho fatto a posta, stavamo giocando.
Però a distanza di anni mi saluta ancora quando mi vede passare. 



4. Quanto sei alta?  

La bellezza di 1.70.
Si, insomma, sono nella norma.


5. Cani o gatti?  

Ho sempre preferito i cani, ma nemmeno i gatti mi dispiacciono. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...